Borne, solo con la Bellezza

La campagna era bella
come un arazzo
di mille fili
frementi in un incendio
 
Io vorrei che la terra
non fosse che un arazzo sul muro
e che mai cadano foglie
e che mai muoia
quella figura rappresa nel suo gesto
 
Io vorrei
che la terra rimanga semplice selvaggina
tra i denti del sole
 
Alain Borne, La campagna era bella, traduzione Marco Conti, da Seul avec la beauté, Voix D’Encre, 1992
 

M.C. Escher, “Pozzanghera”, 1952

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *